In ogni frazione del comune di Ponzone troviamo almeno una parrocchiale o una chiesa, tutte costruite tra il 1400 ed il 1600. In quasi tutte sono presenti affreschi di Pietro Ivaldi Maria detto “Il Muto” o affreschi e/o sculture di quei secoli.

Parrocchiale 

Iniziata nel 1577, ma consacrata soltanto nel 1627, fu progettata da Bartolomeo Scapitta, a tre navate, con copertura a volte e otto pile in pietra locale a capitello tuscanico e un altar maggiore in stile barocco costruito con marmi neri bardigli intarsiati di bianchi e gialli. All'interno, da non perdere gli affreschi tardocinquecenteschi emersi nell'ultima campata della navata sinistra e alcuni altari laterali già patronati di nobili famiglie del luogo. Conserva il corpo di S. Giustino Martire, dispone di un organo ottocentesco di notevole fattura

Oratorio del Santo Suffragio

L’ Oratorio del Santo Suffragio accoglie il Museo d’Arte Sacra con opere del pittore ottocentesco Pietro Ivaldi detto “il Muto” (nato a Toleto di Ponzone) e dello scultore genovese Anton Maria Maragliano (1664 – 1741).

Santuario della Pieve

A metà costa verso il torrente Erro si erge il Santuario di Nostra Signora della Pieve, meta di pellegrinaggi devozionali, con una tradizione che si estende oltre i confini provinciali. La Chiesa, costruita attorni all’anno 1000 e rimaneggiata nel 1694, è circondata da viali e piazzali che portano al Sacro Monte, costellati dalle armoniose cappelle della “Via Crucis”.

Museo di Arte Sacra

Nel Museo di arte sacra sistemato nell'oratorio del Santo Suffragio (portale in arenaria datato 1632, aula rettangolare e volta a botte affrescata dal pittore ponzonese Pietro Ivaldi, detto II Muto), troviamo varie e pregevoli statue in legno policromo, non sempre di facile datazione, ma collocabili comunque tra XV e XVI secolo:

un Padreterno, San Paolo, San Rocco, San Sebastiano, San Giovanni Evangelista, Santa Margherita, un Crocifisso ligneo policromo a grandezza naturale con le braccia snodate e uno stendardo in legno con delfini sulla cornice e sui due lati rispettivamente la Flagellazione e il Martirio di San Sebastiano. Il pezzo più pregevole è una cassa lignea processionale di Antonio Maria Maragliano (1664-1741) raffigurante una visione dell'Evangelista Giovanni nell'isola di Patmos.

Sacrario di Piancastagna

All'inizio delle case della frazione di Piancastagna sorge il Sacrario che ricorda i combattimenti sostenuti durante il rastrellamento del 7-10 ottobre 1944, l'uccisione di civili e l'incendio di località, la collaborazione tra partigiani, contadini, operai, clero, ufficiali dell'esercito, donne, militari stranieri passati alla resistenza.

Museo del Boscaiolo

Il Museo del Boscaiolo è situato in Frazione Piancastagna.